Poopstar MP30R-DVBT – Aggiungere i servizi mancanti

Se state leggendo questo articolo sicuramente sapete di cosa stiamo parlando: scarso supporto da parte del produttore, rilascio di firmware assenti dal 2012, servizi che continuamente vengono richiesti di essere installati ma che abitualmente falliscono ogni volta.

Ancor prima dell’acquisto conoscevo questi problemi, ma ho comunque voluto rischiare perché il prodotto in sè funziona bene, ci sono solo alcuni bug e alcune rogne che andrebbero corrette ma per quello ne riparleremo in un altro articolo.

Per prima cosa, se non abbiamo ancora l’ultima versione disponibile, aggiorniamo il prodotto
Per farlo scarichiamo la versione 3.0-25-03-2012 dal sito ufficiale (MIRROR in caso di sito offline)

Scompattiamo l’archivio e copiamo il file install.img nella root (cartella principale) di una chiavetta usb vuota, nel frattempo spegniamo il media player e rimuoviamo il cavo di alimentazione dalla parte posteriore.

Inseriamo la chiavetta in una delle porte usb (vi consiglio di rimuovere eventuali dispositivi collegati, come HDD esterni).

Ora teniamo premuto il tasto di accensione che è posto nella parte frontale dell’apparecchio e tenendolo premuto inseriamo la spina di alimentazione.

Dopo qualche secondo dovreste vedere a schermo un wizard automatico per l’aggiornamento del firmware, potete ora rilasciare il tasto di accensione e attendere i 2-3 minuti richiesti al completamento.

Il media player si riavvierà da solo quindi non spaventatevi se ci saranno eventuali schermate nere.

Passiamo ora alla parte più tediosa per cui molti utenti si sono giustamente lamentati: installiamo/aggiorniamo i servizi.

Ebbene si, state per rimuovere quel fastidio messaggio che compare ad ogni avvio e che vi chiede di installare i servizi, ma che anche dando l’ok non trova e non installa finendo con una bella serie di “error/fallito”.

Probabilmente chi non ha mai collegato un HDD interno non si sarà mai accorto di questo messaggio che compare all’avvio, strana politica dato che per esempio il servizio btpd funziona perfettamente anche su chiavette usb esterne.

AVVISO: La procedura non è semplice quanto quella dell’aggiornamento del firmware, richiede che il media player sia collegato alla rete, siete dunque pregati di leggere con calma la guida e seguirla passo passo, in questo modo la probabilità di errori si riduce drasticamente. Ad ogni modo non mi assumo NESSUNA responsabilità in caso di prodotto non più funzionante/guasto.

Scarichiamo questo file (MIRROR in caso di sito offline) e scompattiamolo in una qualsiasi directory del nostro computer.

Vi ritroverete con una cartella chiamata MP30R-Software con dentro un’altra cartella chiamata MP30R Software (Notate la differenza, la prima ha il trattino centrale fra le due parole, la seconda ha uno spazio)

La cartella con lo spazio, ovvero MP30R Software la rinominiamo semplicemente in MP30R e la copiamo nella root di una chiavetta usb preferibilmente vuota.

Possiamo ora collegarla al media player acceso e funzionante.

Ora dobbiamo lavorare via Telnet, quindi il dispositivo deve essere collegato via cavo ethernet o via chiavetta Wi-Fi compatibile.

Un programma per sfruttare Telnet sotto windows è Putty, ma a differenza della guida nel link, selezioniamo Telnet (porta 23).

Sotto Linux, ovviamente, abbiamo già il comando da shell.

Appena avviata la connessione vi sarà richiesto un nome utente, scriviamo root e premiamo invio, ora siamo dentro al sistema.

Spostiamoci nella cartella MP30R della chiavetta usb con

cd /tmp/usbmounts/sdb1/MP30R/

e creiamo un elenco visivo di cosa c’è dentro a questa cartella

ls -l

Se tutto è corretto dovreste ritrovarvi con i 4 file che andremo adesso ad installare.

Per installarli infatti andiamo ad usare il gestore pacchetti preinstallato nella macchina: ipkg-cl.

Scriviamo sempre nella stessa shell questo comando:

ipkg-cl install “nome del pacchetto senza apici”

Dove il nome corrisponde ad uno dei pacchetti, per esempio

ipkg-cl install btpd_0.0.1_mipsel.ipk

Facciamo la stessa cosa per tutti gli altri.
P.s: non c’è alcun bisogno di ricopiare tutto il nome del file che dobbiamo installare, ci basta scrivere le prime lettere e successivamente premere TAB sulla tastiera, l’autocompletamento finirà il nome per voi.

Vi consiglio di andare in ordine, ovvero installiamo btpd, poi font-intl, poi samba e per ultimo unicgi.

Ad ogni installazione probabilmente compariranno degli errori, non preoccupiamoci più di tanto perché non sono errori riferiti al servizio ma alla post-installazione.

Adesso scriviamo

reboot

E il media player si riavvierà da solo, possiamo chiudere la sessione telnet se è rimasta aperta (normalmente riavviando la macchina a cui si è collegati la connessione cade da sola).

Avete notato che all’accensione non compare più il popup che vi chiede di aggiornare i servizi? Bene! Significa che sono stati installati.

Fermiamoci qui se il nostro scopo era quello di rimuovere il fastidioso messaggio all’avvio, chi desidera proseguire la lettura della guida significa che è interessato all’uso di SAMBA e/o del demone BTPD.

Per avviare i servizi (ovvero btpd e samba) armiamoci del telecomando premendo SETUP, poi spostiamoci in SISTEMA e successivamente in INFORMAZIONI DI SISTEMA.

Vi comparirà l’elenco del software installato, avviate quello che vi interessa con il tasto OK del telecomando sul riquadro RUN.
Anche se compaiono degli errori o degli avvisi non facciamoci caso, aspettiamo che scompaiano.

Per Samba il tutto è già funzionante; la porta di rete 445 è già aperta e ci basta sfogliare le risorse di rete dal nostro computer Windows/Linux che ci comparirà un dispositivo chiamato VENUS
Questa è la condivisione del disco interno al media player, MOLTO ma MOLTO comodo nel caso volessimo trasferire video senza il bisogno di utilizzare quello scomodissimo servizio di copia file integrato nel menu del decoder.

Risorsa SAMBA VENUS

Risorsa SAMBA VENUS

 

Per BTPD invece apriamo il browser e digitiamo l’indirizzo IP del media player, diamo invio e vi comparirà una pagina di benvenuto con un login, NON PREOCCUPIAMOCI!
Non c’è nessun login impostato, dopo 1-2 secondi la pagina si aggiornerà automaticamente e sarete dentro al gestore.

Clicchiamo su BitTorrent Download nella barra in alto, poi su Add New Torrent, selezioniamo il torrent dal computer con sfoglia e accettiamo con YES.

Nel giro di qualche secondo vi ritrovere alla pagina precedente con il nome del file che state scaricando in colore giallo nell’elenco, significa che sta iniziando a scaricare il file.

Al termine del download vi ritrovere il file scaricato nella cartella BT posta all’interno dell’HDD (potete visionarne il contenuto usando samba se lo avete precedentemente avviato).

A presto.

8 Risposte a “Poopstar MP30R-DVBT – Aggiungere i servizi mancanti”

  1. Semplicemente straodinaria guida!

    PS
    Quando ho acquistato il poppstar non sapevo bene a cosa sarei andato incontro, mi ero limitato a leggere le recesioni su Amazon e mi sembrava un prodotto interessante.
    Questa mattina l’ho ritirato e una volta a casa aperto e cosa trovo in bella mostra all’interno della confezione e “sopra ogni cosa”? La licenza GPL2 stampata in tutte le sue pagine. Ho pensato si comincia con il piede giusto 😉
    Ora sono le 19 circa, grazie alla tua “eccellentissima” guida sono riuscito ad aggiungere i vari servizi e ad aggiornare il firmware. In questi giorni lo userò per verificarne il comportamento. …ma detto tra noi, solo il fatto che a bordi ci sia Linux, vale i soldi spesi 😀

    ciao!

  2. Ti ringrazio tantissimo per l’ottima guida che ho seguito passo passo riuscendo a configurare tutto.
    A me fa ancora un piccolo difetto, all’accensione dopo il boot va sulla schermata dove c’è Browser, Rec_List AV in, ecc. con l’audio del canale TV sintonizzato senza il video. Per poter vedere il video devo prima passare sul menù HDD poi premere il tasto STOP. Sequenza che diventa quasi impossibile per mia moglie. Sai se si può fare qualcosa? Grazie
    Marco

    • Mi scuso con tutti quanti per l’imperdonabile ritardo della mia risposta, purtroppo costanti impegni lavorativi mi hanno allontanato dal pc, ma soprattutto dal forum per quasi un anno di tempo.
      Marco, grazie per aver letto la mia guida. Purtroppo la schermata iniziale non può essere bypassata se non con i tasti del telecomando.
      Ho cercato a lungo una soluzione all’interno del firmware per poter accedere direttamente alla TV ma sembra non sia possibile, mi dispiace.
      A presto!

  3. Utilissimo post ti ringrazio molto….ho comprato oggi questo dvtb pero non riesco proprio a capire come guardare la tv usando questo dispositivo come digitale. Sono riuscito a programmare una registrazione ma se volessi farla con il dispositivo con il led rosso si puo?? Registra ugualmente? O deve essere blu?

    • Mi scuso con tutti quanti per l’imperdonabile ritardo della mia risposta, purtroppo costanti impegni lavorativi mi hanno allontanato dal pc, ma soprattutto dal forum per quasi un anno di tempo.
      Ciao Mirko, fammi capire se ho capito:
      Desideri guardare la tv attraverso il Poopstar?
      Se è corretto, ti basta semplicemente, all’avvio completo del decoder, passare al menù TV e premere OK.
      A presto!

  4. Alessandra says:

    Ciao e complimenti per la guida utilissima e semplice anche per i meno capaci (come me!)
    Ho seguito le tue indicazioni e risolto problemi importanti ma ora ne ho uno che sembra semplice ma io ci sto impazzendo.
    Ho acquistato il poppstar MP30R-DVBT per travasarvi le registrazioni dal mysky (e liberare quindi spazio sul suo HD) ma anche per permettere a mia madre di registrarsi le puntate della sua serie tv preferita, su canale 5 (ok, non mi dite niente, le mamme fanno queste cose!). Prima le registrava col my sky, dopo il divorzio tra mediaset e sky non è più possibile e mia madre è andata in crisi!
    Il fatto è che volevo sfruttare il fatto che questo apparecchio sia anche un decoder digitale terrestre e poi collegarlo a sky tramite scart/AV-in così da non avere complicazioni.
    Però non sono riuscita a capire come risolvere con l’antenna tv:
    infatti l’ingresso dietro all’apparecchio non è predisposto per il cavo antenna normale e pure utilizzando un cavo con adattatore (http://www.amazon.it/gp/product/B004RLHSI0?psc=1&redirect=true&ref_=oh_aui_detailpage_o01_s00) e facendo la scansione automatica per la ricerca canali non trovo nulla.
    Ora non so se c’è qualche impostazione da settare altrove o quale possa essere il problema ma sono in situazione di stallo totale. Se riuscirai ad aiutarmi te ne sarò davvero grata!
    Ciao e ancroa complimenti per le tue ottime guide.

    • Mi scuso con tutti quanti per l’imperdonabile ritardo della mia risposta, purtroppo costanti impegni lavorativi mi hanno allontanato dal pc, ma soprattutto dal forum per quasi un anno di tempo.
      Ciao Alessandra, una domanda:
      In casa possedete solamente la parabola per SKY o anche un antenna per DVB-T (digitale terrestre)?
      Purtroppo conosco la situazione tra Sky e Mediaset. Una soluzione è quella di usare la SKY DIGITAL KEY, una chiavetta usb da collegare alla porta USB del mysky, assieme al cavo d’antenna del digitale terrestre.
      In questo modo tutti i canali Mediaset vengono reintegrati in Sky e tutto torna al funzionamento di prima, con l’unico accorgimento che serve appunto un’antenna per il digitale terrestre, poichè i canali mediaset sono stati oscurati sul satellite.
      Forse è per questo esatto motivo che non riesci a ricercare i canali con il Poopstar, evidentemente sei collegata con la parabola?
      Il Poopstar accetta solamente ingresso per digitale terrestre (e forse anche analogico, non ricordo ma non è influente nella nostra situazione).
      Comunque, il tuo ragionamento è perfettamente corretto e non fa una piega, ma ti consiglio vivamente di proseguire la strada verso la SKY DIGITAL KEY, così da avere tutto perfettamente integrato in sky, senza dispositivi esterni!!
      Ancora scusa per il ritardo, a presto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*